5





Nel '96 avvenne finalmente il contatto tra "i due mondi", grazie ad uno stage di Pasotti a Bergamo, ove, nonostante lo "sterminio di massa ", da qualche centinaio il primo giorno a 12 in palestra sua l'ultimo pomeriggio, ebbi modo di confrontare la mia metodologia di allenamento che mi ero costruito da autodidatta in 24 anni di pratica, con la loro, e con mia grande sorpresa m'accorsi che sostanzialmente corrispondevano. -Quest' incontro, ove studiai lo stile dell'Aquila con il M° Shi De Shen (l'ultimo a destra: campione del mondo di San Chi Kun: il bastone snodato a tre sezioni che io amo e pratico da sempre) fu un' altra pietra miliare della mia formazione marziale



Xu Hao Santa Rita Modena

Xu Hao e Marco Caporale alla pol. S. Rita Modena

Dopo aver studiato per cinque anni con Li Rong Mei, dall'89 al '93, chiusi definitivamente con la scuola madre e mi recai periodicamente dal M° Xu Hao della Polisportiva S. Rita di Modena per completare la formazione tecnica, di Wushu e TaiJi 48 Yang, che mi portò alla qualifica di Istruttore 2° Duan nell' ormai FIWuK: Federazione Italiana di Wushu Kung Fu del CONI



Quando ormai pensavo che il maestro ideale fosse solo un sogno che mi portavo dentro da bambino: umile, selvaggio, non imbrigliato nei meccanismi del potere, senza quella congenita paura d'insegnare tipica di chi ha creato attorno a se un impero e, giustamente, ha paura di perderlo, e senza mettere il profitto innanzitutto, pretendendo di vendere lo spirito... ecco che dopo 25 anni di preghiere, la mia richiesta è stata esaudita; come recita il  "Allorchè le orecchie dello studioso sono pronte per l'audizione, vengono allora le labbra (del maestro) a riempirle di saggezza"(Kybalion) 
e così fu, o meglio: "Si-Fù!"
-"Così devi fare tu: allevarli senza pretendere nulla da loro, controllarli, senza appoggiarti a loro, essere il loro capo senza sfruttarli. E' questo che si chiama "Potere Misterioso" (Cap. X Tao Te Ching)



 

L'INCONTRO

L'incontrai, alla "Primavera del Budo" di Riccione nell'Aprile '97. 

Candido come la neve nel suo abito d'un bianco di seta purissima
che si muoveva in un CHEN impeccabile, ispirato solo dal cielo
in un prato verde, avvolto solo dai suoi primi 4 petali
di cui io sarei stato il quinto: i suoi primi allievi.

MonteGrimano Il 4° petalo: Natalie



Segue
              Home